Crea sito

60) Le forme incostituzionali

Il video su Youtube è al seguente link:
https://www.youtube.com/watch?v=sijZ9tQRPIg&feature=youtu.be

Forme incostituzionali ESCAPE='HTML'

Buon giorno amatissimi Fiori del Mattino: usiamo questo nome appositamente perché definisce chiaramente il vostro percorso iniziatico, perlomeno di coloro che negli anni hanno seguito queste canalizzazioni e sono in grado di comprendere tutti i passaggi che ci sono stati e che sono sia necessari alla comprensione delle nostre parole che, soprattutto, alla loro realizzazione.

Per tutti coloro che si approcciano a queste canalizzazioni per la prima volta consigliamo di iniziare dalle prime, anche se nulla vieta di ascoltare anche queste parole che per quanto trattino di argomenti di ascensione avanzata possono costituire la consapevolezza di un orizzonte sicuro a cui approderete tutti.

Parliamo dell'incostituzionalità delle forme.

Le forme sono soggette a continui mutamenti che ne determinano in tal modo una consistenza ed uno spessore specifici.

Pensate alle forme come a lampi continui e ripetuti che essendo molto ravvicinati danno l'idea di una forma specifica, ma che in realtà sono come tanti fotogrammi, l'uno accostato all'altro, che determinano quindi il movimento delle forme stesse.

Pensate ai disegni animati per comprendere il nostro discorso: ogni fotogramma è statico, ma se li accostate e li fate scorrere velocemente daranno l'idea del movimento che il disegnatore ha voluto imprimere alla forma stessa.

Nel nostro caso i fotogrammi costituiscono ogni forma vivente ed è così comprensibile per voi, che siete gli Osservatori, capire il motivo per cui ad un certo punto del viaggio la vostra esistenza sembri rallentare tanto da apparire bloccata.

Rallentare le forme significa permettervi di fermare, ad un certo punto, il fotogramma di base ed accorgervi quindi di essere dentro ad un gioco, di non essere quel fotogramma, ma semmai colui che lo sta osservando.

E' questa la vera illuminazione: riuscire a fermare il tempo tanto da non vedere i fotogrammi accostati l'uno all'altro.
 

Questo è il motivo per cui la vita degli asceti tende ad essere così rallentata ed ecco perché le persone molto materiali corrono sempre tanto.

Comprendete anche voi che più corrono più le forme diventano apparentemente stabili, ma si tratta solo di un'illusione.

Non c'è assolutamente nulla di stabile nelle forme pensiero, perché fanno parte di un Tutto in continuo mutamento.

Così le persone molto materiali corrono, tendono a fare innumerevoli cose e si sentono vive solo quando, appunto, compiono sforzi sovra-umani per avere l'illusione di questa stabilità.

La stabilità che cercando inconsciamente di raggiungere è quella relativa alla propria personalità, al proprio modo di essere.

Pensano:

“Più corro più mi sento qualcuno, più faccio tante cose più vengo riconosciuto per questo ed è solo con il riconoscimento degli altri che mi sento vivo, che sento di esistere”.

Ritenete che sia davvero così?
 

Ritorniamo al discorso dei fotogrammi: se voi siete gli Osservatori, e con l'ascensione lo scoprirete in modo sempre più netto, il fatto di correre all'impazzata vi permette di scorgere la realtà che vi coinvolge al tal punto da dimenticare ogni altra realtà se non quella che vedete scorrere davanti a voi e in cui v'identificate.

Come dicevamo è questo il motivo per cui gli Iniziati vedono la loro vita sempre più rallentata, con sempre minori cose da fare; possiamo dire che il tempo per loro si dilata ed ovviamente capite che più correte più si restringe essendo spazio e tempo direttamente collegati l'uno all'altro.
 

Quando il tempo aumenta, e quindi diminuisce lo spazio, ossia le cose che voi fate, piano piano i fotogrammi si riducono e questo vi permette di osservare le cose in modo sempre più profondo.

Quando lo spazio si annulla completamente, come nella meditazione assoluta, allora il tempo, dilatato al suo massimo, scompare.

Svanisce la materia concreta ed appare lo Spirito che per la prima volta può toccare con Verità la sua vera natura riunita.

Questo vedere è un traguardo importante che vi permette poi di operare in una dimensione ancora più evoluta, perché libera dai condizionamenti della materia e dalle sue regole.

Se la gente attorno a voi corre tanto non significa che sia più identificata di voi, ma che vive ancora quell'apparenza e non ha possibilità di percepire null'altro che i miliardi di fotogrammi con cui s'identifica.

Ecco la sostanziale differenza che sussiste fra chi vive nella Luce (della consapevolezza dello Spirito) e chi nel Buio (della consapevolezza dello Spirito).

Vogliamo spiegare il motivo per cui abbiamo usato il termine “incostituzionale” nel titolo di questa canalizzazione: ogni forma che voi pensate diventa reale in vari piani.

Ogni piano possiede le proprie regole e caratteristiche, ma quelli inferiori sono così pesanti che sembra impossibile riconoscere una verità oggettiva in loro; solo se vengono guardati senza filtri si possono riconoscere le varie forme, ma con i filtri della terza dimensione è praticamente impossibile stabilire cosa sia reale e cosa non lo sia.

Lo è anche per noi!

Noi vediamo le forme di terza dimensione in modo autonomo, le percepiamo come tanti ammassi informi e disordinati di materia pesante che devono essere poco a poco ripuliti e portati a vibrare a frequenze superiori, in modo da rendere questi frammenti di materia, compreso l'essere umano, sempre più evidenti nel mondo delle forme reali.

Non percepiamo queste forme come fantasmi, ma come ammassi molto densi: pensate a delle nuvole cariche di pioggia e su cui voi non riuscite a vedere se non l'esterno.

E' così anche per noi.

Ecco perché ci immergiamo direttamente dentro alle forme: per poterle vedere, per interagire con loro e per sublimarle ripulendo lo spazio di terza dimensione.

Questo vi aiuta anche a capire il motivo per cui quando le cose nel vostro pianeta sono state davvero difficili sia stato necessario l'aiuto di Esseri superiori, che con la loro enorme consapevolezza hanno potuto correggere danni che potevano rivelarsi fatali per l'intera Famiglia umana.

Non accade spesso, generalmente è la nostra stessa Famiglia che si occupa di dirigere i lavori, ma quando la situazione lo richiede intervengono anche Esseri provenienti da altre Famiglie e da piani superiori.

Le forme sono incostituzionali perché non sono previste dal piano del Creatore, ma sono il risultato del libero arbitrio che dona ad ogni Essere la possibilità di scegliere.

Come ben saprete, la scelta non è sempre la migliore, ci vogliono innumerevoli tentativi per creare una coscienza cristallina ed ecco il lavoro che la nostra Famiglia, chiamata umanità, sta compiendo qui, nel qui ed ora, in questo preciso spazio dell'eternità.

Vi lasciamo riflettere anche questa volta consapevoli di avervi fornito informazioni molto interessanti, soprattutto per coloro che cercano spiegazioni più dettagliate.

C'è molto altro e siamo qui apposta per condividere con voi informazioni nuove e spesso difficili.

Vi state allenando con l'acqua spiritualizzata?

Avete fatto dei tentativi?

Se state vibrando a frequenze angeliche avrete sempre successo.
Allargheremo il discorso che però necessita di un vostro preciso impegno.

Una volta ottenuti i primi risultati positivi vi spiegheremo come piegare il tempo per riportare, grazie ad un altro apposito strumento, le condizioni di un corpo ad uno stato pre-malattia, in modo da farlo tornare integro.

Con immenso amore

 ESCAPE='HTML'

Considerazioni personali dopo questa canalizzazione
 

Non volevo nemmeno pubblicarla; l'ho fatta un mesetto fa e non le rileggo mai appena fatte, l'ho lasciata lì nella sua cartella senza più guardarla. Mentre la facevo pensavo che non era un granchè, non mi era piaciuta.

Quando canalizzo non so mai cosa scriverò, non faccio quasi mai domande, lascio che arrivi quello che deve arrivare ed è sempre coerente, ha la sua logica ed anche la giusta collocazione temporale.

L'ho riletta e sono rimasta stupita..e ho compreso un altro pezzetto del significato "canalizzare": è vero che chi canalizza, canalizza il suo mondo superiore (che comunque è Uno con il Tutto), è anche vero che lo fa solo con la parte destra, usa solo la parte destra di se stesso, non c'è ragione, non c'è pensiero cosciente inferiore.

Infatti anche se mentre canalizzo sono completamente attenta e presente, quando rileggo con la ragione, leggo concetti che non avevo ancora afferrato con la ragione, non so spiegare meglio: infatti è la parte destra, come dicevo, che agisce mentre si canalizza e per renderla totalmente cosciente alla mente, è necessario che la parte sinistra, la ragione, rilegga ciò che è stato scritto.

Ora è molto chiaro il concetto. Sarebbe interessante fare degli studi scientifici su questo..che so con uan risonanza per esempio (anche se la vedo dura canalizzare con quella attrezzatura). Ma ho capito che è davvero così che avviene. Poi adesso sono curiosissima su quell'ultima frase..piegare il tempo?

Angelica Barbieri