Crea sito

L'Arca dell'Alleanza: le sette ottave di vibrazioni

Se preferite ascoltare la forma audio ecco il link su YouTube: 
https://www.youtube.com/watch?v=tR8Lfn-x6Sg

In questo lavoro non troverete una canalizzazione dei Maestri ma un estratto di un libro (Iniziazione: memorie di un'Egizia) che mi ha colpita molto: è la storia di un'Iniziata che racconta la sua vita e soprattutto, svela misteri che hanno appassionato tanti Ricercatori a lungo, non solo sull'Arca dell'Alleanza ma anche sull'Energia Prima Onnipresente e molto altro.

 

##@@@##

Oggi ti spiegherò i principi meravigliosi a cui si deve l'effetto meraviglioso del "Bastone della Vita", i quali non sono altro che semplici effetti della Natura: Dio è ovunque presente e l'emanazione della sua onnipresenza si manifesta nel mondo visibile materiale, sotto-forma di " leggi della natura".

Di conseguenza al di fuori di queste non può accadere nulla, ma esse differiscono da un livello di sviluppo all'altro e le leggi in vigore nel mondo spirituale non sono le stesse del mondo mentale, che a loro volta, differiscono da quelle del mondo materiale.

Tuttavia nel mondo materiale, troviamo ancora leggi che variano a seconda delle proporzioni di una stessa materia.

Ad esempio una legge vuole che il livello dell'acqua in stato di quiete sia sempre orizzontale, ma essa è valida soltanto entro un certo ordine di grandezza: perchè una goccia d'acqua in un calice di un fiore è rotonda ed un essere infinitamente piccolo che vivesse in quel mondo in miniatura, constaterebbe che la forma dell'acqua è sferica.

Perchè?

Perchè il rapporto tra la tensione superficiale dell'acqua e la forza che la costringe a rimanere orizzontale è del tutto diverso in una goccia d'acqua, quindi in una minuscola quantità, di quello che abbiamo per una grande superficie d'acqua. Eppure si tratta delle medesime leggi.

Gli uomini conoscono poco le forze che agiscono nella natura, conoscono solo quelle che la vita quotidiana ha insegnato loro a discernere.

Si sono abituati ad esse e le chiamano leggi della natura, credendo di conoscere queste forze nella loro essenza solo perchè hanno dato loro un nome.

Accettano queste leggi ed i loro effetti come una cosa scontata e quando sono testimoni di un fenomeno sconosciuto gridano al miracolo o un tempo, alla magia.

Non sanno che queste energie sono anche forze della natura simili a quelle a cui si sono abituati e credono di conoscere!

I figli degli uomini non sanno perchè una pianta esca dal seme, perchè un essere vivente nasca da una cellula fecondata: non sanno cosa vuol dire questa fecondazione, nè perchè la cellula si divida dopo la fecondazione, nè perchè questa fecondazione si ripeta per moltiplicare le cellule, processo che non si ferma alla nascita ma che continua fintantochè, dalla prima cellula, non si sia formato un individuo pienamente sviluppato, fintantochè la crescita, questa reazione a catena, non si freni da sè, permettendo al declino di cominciare a delinearsi.


Tutto ciò fa parte della vita quotidiana sicchè gli uomini non si stupiscono nemmeno più.

Che una pianta esca dal seme, che un bambino nasca o che un uomo muoia, che il vento proveniente dai quattro punti cardinali abbia effetti diversi e, come questi, anche tanti altri fatti della vita quotidiana, sono fenomeni "miracolosi" quanto l'effetto ed il segreto dell Bastone della Vita, nonchè quanto gli altri "miracoli o sortilegi" degli Iniziati.

Ma prima che tu possa davvero capire le energie con cui lavorano gli Iniziati, che sono le stesse forze che animano il Bastone della Vita, devi ancora imparare un certo numero di cose.

Quando abbiamo parlato dell'albero del bene e del male hai imparato che tutto ciò che ha assunto forma materiale, è visibile e percettibile solo perchè è uscito dall'unità perfetta, dal perfetto equilibrio.

Dopo questa separazione tutto aspira a ritrovare l'unità, l'equilibrio perduto: un equilibrio che significa riposo perfetto, IMMOBILITA'.

Invece "essere diventato qualcosa", ossia creazione visibile e tangibile, significa uscire da questo equilibrio e poi aspirare a ritrovarlo, il che equivale ad una costante agitazione, ad un MOTO PERPETUO.

Se questo moto perpetuo cessasse un solo istante, l'intera creazione si trasformerebbe in un colpo solo in energia spirituale ovvero, sarebbe materialmente distrutta.

Tutte le energie, tutte le forze dell'universo sono movimenti che, partendo da un punto - il loro punto centrale- s'irradiano, si estendono e si propagano in onde circolari traducendosi in un impulso, in VIBRAZIONI.

Queste manifestazioni cessano soltanto se le forze uscite dall'equilibrio, tornano allo stato originale, nell'unità divina.

Lo stato originale è dunque quello in cui cessa ogni manifestazione materiale.

Nella sua essenza più profonda, la materia è anch'essa movimento e quando il movimento cessa, la materia cessa di esistere.

Fintantochè esisterà il mondo materiale tridimensionale, esso sarà retto dalla Legge immutabile dall'agitazione e del movimento.

Il fatto che la Forza si manifesti a TUTTI I LIVELLI delle innumerevoli possibilità, significa che esiste una quantità incalcolabile di vibrazioni, lunghezze d'onda, forme onda, frequenze diverse che corrispondono a detti livelli.

Ma fintantochè siamo in un corpo che ha dei mezzi limitati , possiamo percepirne soltanto una parte con i nostri organi sensoriali.

Il fatto che una forma di vibrazione ci appaia come “energia “immateriale o come “materia” dipende dall'idea, dall'impressione che abbiamo di una cosa, la quale altro non è che movimento, vibrazione, frequenza.

Più le vibrazioni sono brevi e meno le percepiamo come materia; alle vibrazioni trasmesse alla nostra coscienza dagli organi sensoriali, attribuiamo nomi che corrispondono alle nostre sensazioni: materia, suono, elettricità, calore, gusto, odore , luce;

alle energie ed alle radiazioni superiori ed immateriali che riceviamo soltanto attraverso i centri cerebrali e nervosi, attribuiamo i nomi di “onde pensiero”, onde d'idee.

Poi, sempre più in alto, si arriva ai raggi ed alle frequenze che penetrano più profondamente, fino alle frequenze supreme che penetrano ogni cosa con la forza creatrice divina: la vita stessa.

Non possiamo comprendere queste frequenze se non come stato di coscienza.

E' così che l'Universo è animato da una varietà infinita, inimmaginabile di vibrazioni, dall'onda più corta, all'onda più lunga.

Tutte le forme della creazione, dai corpi celesti, fino agli esseri monocellulari. Sono risultati di diverse forme di radiazione; che lo si sappia o no, viviamo fra le radiazioni.

Mi spingerò persino oltre: sono queste radiazioni e queste energie che ci hanno formati e costruiti e che sono costantemente attive nel nostro corpo, nella nostra Anima ed in tutto il nostro Essere.

L'intero universo è composto da queste varie vibrazioni creatrici, la cui fonte viene chiamata Dio.


 

Dio, la Fonte si trova al di sopra di tutto ciò che è manifesto, Egli riposa in se stesso in un equilibrio assoluto senza tempo, né spazio.

Ma i Suoi raggi penetrano le forme materiali, per animarle e dar loro vita.

Dio è onnipresente e colma tutto l'universo, sicchè tutto ciò che è nell'universo è penetrato da Dio. 
Nulla può esistere che non sia in Dio o penetrato da Dio giacchè Egli è onnipresente e nulla può spostarLo, sloggiarLo dalla sua propria presenza.

Così ogni punto offre a Dio, alla Fonte, la possibilità di manifestarsi e tutto ciò che esiste nel nostro mondo percettibile porta in sé questo punto come suo CENTRO.

E' da quel punto che prese avvio la prima manifestazione, la Sua creazione, la caduta fuori dall'equilibrio.

E' questo aspetto di Dio che crea il mondo materiale e gii dà vita penetrandolo, quella stessa VITA che è in noi, in ogni essere vivente e che chiamiamo Sè Superiore.

Tutte le altre espressioni quali: 
Dio
Creatore
Sè Universale
Sè Suoeriore 
Principio Creatore

designano un'unica divinità sotto i suoi vari aspetti.

Le energie prossime al centro sono ancora altamente spirituali, le loro frequenze sono elevate.

Più esse se ne allontanano in ondate circolari, più diventano materiali, fino al momento in cui queste energie a poco a poco si trasformano in materia: è così che la forza emessa frena la propria corsa, perché una volta giunta all'estremo limite della manifestazione, al punto più lontano dal centro, diventa una corteccia, una crosta dura e materiale.

Ecco perché l'immagine, il nome di Dio, che si manifesta nel mondo visibile è un cerchio, il cerchio interno delle forze superiori, circondato da un guscio denso e materiale.

Espresso in lettere questo simbolo è OM.

Tutte le creature, dai soli sino alle creature monocellulari, sono formati secondo questo principio.

 

Osserva una sezione della nostra Terra: nel centro le forze potenti sono ancora allo stadio evolutivo del cerchio del fuoco; poi vengono le regioni gassose, gli strati di materie fuse, poi liquide, il tutto circondato da una solida crosta materiale.

Ma voglio che tu osservi anche il fatto che, dal centro, agisce una forza opposta, centripeta, che lavora attirando a sé tutte le manifestazioni materiali.

E se la materia dura non opponesse alcuna resistenza di eguale forza, tutte le forme scomparirebbero nel loro stesso centro e così accadrebbe per la nostra Terra con tutti i suoi Esseri viventi.

E' la resistenza della materia che impedisce che ciò avvenga, ed è questa l'unica ragione che consente una creazione e la vita sulla crosta materiale terrestre.

Ricordati di questa RESISTENZA della materia perché ne parleremo ancora.

Eccoti ancora un esempio per illustrare la struttura interna delle forme materiali: la sezione della spina dorsale di tutti i vertebrati, mostra lo stesso ordine interiore. 
La sostanza estremamente sottile del midollo spinale è il supporto della forza vitale e creatrice ed è circondata e protetta da un guscio duro, le ossa. 
E troverai la stessa sezione trasversale in qualsiasi osso del cranio, delle vertebre o delle gambe.

Taglia ora una pianta e troverai la stessa immagine: certamente hai già visto un albero abbattuto, ove la struttura interna del tronco è sempre la stessa: intorno al punto centrale, ci sono cerchi di energia vitale, nutriti dalla sostanza sottile del cuore dell'albero; l'anello che ogni anno va ad aggiungersi ai precedenti riflette la radiazione ciclica della vita nell'albero che si ripete ad ogni primavera ed anche in questo caso, la corteccia avvolge e protegge il tronco.

La crescita comincia sempre dal centro, dall'interno verso l'esterno, giacchè la fonte più profonda di tutte le energie e di tutte le manifestazioni è Dio.

Questo aspetto di Dio che si riveste di materia che delle forme create fa esseri viventi e che chiamiamo Sè Superiore (Logos) è quanto ci attira verso il nostro centro, giacchè anche noi siamo separati dall'unità divina, dallo stato paradisiaco.

E' il fidanzato celeste che ogni Anima umana desidera ardentemente ritrovare. 
Non bisogna confondere questo Sè Divino ed autentico con l''io individuale che, invece, è sprovvisto di esistenza reale, essendo soltanto una sembianza, possiamo paragonarlo ad un abito.

Dietro ad ogni forma di manifestazione( il sole, un pianeta, un uomo, un animale, una pianta, un minerale ecc...) troviamo la medesima fonte di vita, lo stesso Dio, lo stesso Sè Divino.

Per quanto questo stesso Dio sia presente ovunque ed in ogni creatura , le forme della manifestazione sono estremamente diversificate , giacchè Dio si rivela a tutti i livelli in cui una manifestazione è possibile.

Le forme create che compaiono su tutti questi livelli possono manifestare, di Dio, soltanto ciò che sono capaci di provare coscientemente, vivere e sopportare, proporzionatamente al loro grado di sviluppo, rispetto alla forza creatrice divina.

Perchè provare, vivere coscientemente una forza, significa ESSERE questa stessa forza e nel frattempo, significa irradiarla in tutte le direzioni e quindi, anche nel proprio corpo.

Di conseguenza il corpo deve possedere la forza di RESISTENZA corrispondente, altrimenti le radiazioni del Sè lo brucerebbero e lo distruggerebbero.

Ecco perché il corpo delle varie manifestazioni non è composto allo stesso modo, anzi: la loro materia offre gradi di resistenza che corrispondono al livello di coscienza su cui ogni forma si è manifestata.

Sappi che è la composizione chimica della materia a determinare le vibrazioni che un corpo può sopportare.

Quando un corpo è sottoposto ad una radiazione superiore alla sua forza di RESISTENZA, ne soffre l'intero sistema nervoso: questo può produrre una profonda depressione, una malattia mentale e se il numero delle vibrazioni di tale forza, supera la gamma di un'ottava, allora diventa mortale.

Ecco perché quando vogliamo espandere la coscienza di un uomo affinchè possa assorbire e sopportare la forza divina ad un grado elevato, dobbiamo in primo luogo preparane il corpo, sottoponendolo fra l'altro ad un processo chimico, affinchè la differenza di vibrazioni non vada mai oltre un'ottava. Altrimenti morirebbe

 

Nel mondo materiale esistono quattro livelli di manifestazione che, a seconda delle apparenze e del grado di coscienza, chiamiamo minerali, vegetali, animali ed uomini.

Se paragonata all'uomo la materia ci sembra non cosciente, eppure i cristalli provano che anche in essa c'è una “certa coscienza”.

Ogni livello di manifestazione è caratterizzato dal grado di coscienza che gli è proprio, sempre superiore di un'ottava a quello del livello precedente.

Soltanto l'uomo ha la possibilità di manifestare più livelli, fino alla DIVINA COSCIENZA DEL SE'.

Se ci atteniamo agli intervalli- le ottave- con cui classifichiamo i gradi evolutivi, constatiamo che la categoria” uomo” occupa 4 gradini lungo la grande scala evolutiva che conduce dalla terra al cielo e che, inoltre ad ogni gradino corrisponde un'ottava della gamma vibratoria.

Gli uomini conoscono questi 4 livelli e li chiamano:

1) uomo - caratterizzato dalla mente
2) genio – caratterizzato dall'intuizione
3) profeta- caratterizzato dalla saggezza e dall'amore universale
4) uomo/Dio- caratterizzato da onniscenza ed onnipotenza

Nel mondo materiale esistono dunque 4 manifestazioni che insieme esprimono sette ottave di vibrazioni.

Ogni creatura emette le vibrazioni di cui è composta, ossia quelle che sopporta coscientemente.

I minerali che si trovano al livello inferiore della coscienza si manifestano solo con la contrazione, il raffreddamento, l'indurimento.

La pianta già si manifesta su due livelli: un livello materiale e quello della forza vegetale che la fa vivere; una pianta manifesta inconsciamente le vibrazioni materiali e porta il suo corpo come un vestito.

Ma il suo livello di coscienza è quello della forza vegetativa che dà vita alla materia e presenta tre aspetti caratteristici che la rendono riconoscibile ovunque compaia: la ricerca del cibo, l'assunzione del cibo e l'assimilazione o digestione.

L'animale manifesta tre forze: materiale, vegetativa ed animale.

Ha un corpo, cerca il cibo, lo mangia e lo digerisce. Ed è cosciente a livello animale: possiede un'Anima, degli istinti, dei bisogni, delle sensazioni, delle simpatie, delle antipatie, dei desideri.

L'animale è cosciente sul terzo gradino di sviluppo, un solo gradino al di sotto del'uomo.

Testo

L'uomo medio è dunque un'ottava più in alto: è cosciente sul piano mentale, possiede un intelletto e la facoltà di pensare.

Ma manifesta anche gli altri tre livelli: quello materiale( ha un corpo), quello vegetativo( cerca cibo, lo mangia e lo digerisce), quello animale,( ha un'Anima ed una vita sentimentale, ha istinti, simpatie, antipatie, desideri).

Ma la sua principale caratteristica è la MENTE: l'uomo pensa coscientemente.

In seguito l'uomo fa un grande passo avanti per raggiungere il prossimo gradino: eleva la sua coscienza al di sopra del mondo degli EFFETTI per raggiungere quello delle CAUSE.

Si alimenta alla Fonte divina del piano causale e manifesta quella forza che, nella sua coscienza, si traduce con l'intuizione.

Grazie all'intelletto e alla mente può esprimere le sue esperienze spirituali e trasmettere al suo prossimo.

La sua intuizione può riflettersi anche in altre arti:

senza dimensione della musica, quale compositore; 
con due dimensioni, tramite le linee ed i colori, quale pittore; 
ed a tre dimensioni con le forme plastiche, quale scultore o ballerino.

L'uomo “creatore” è il genio: manifesta cinque ottave di vibrazioni delle forze materiali, vegetative, animali, mentali e causali.

Il grado di coscienza dell'ottava seguente è quello degli uomini chiamati “profeti”.

Il profeta manifesta tutte le forze dei livelli menzionati fino a qui ed è anche cosciente ad un gradino superiore, quello della saggezza divina e dell'amore universale.

Non bisogna mai confondere questo amore universale, che corrisponde al sesto livello, e che è una forza puramente spirituale, con l'amore del “terzo livello animale” , che è invece espressione degli istinti animali.

Quest'ultimo tipo di amore è una vibrazione trasformata per operare ad un livello inferiore, il terzo, e la cui fonte è l'istinto di conservazione della specie.

Questo “ amore” è caratterizzato dal desiderio di possedere e cerca il corpo soltanto; forza l'uomo ad avvicinarsi all'essere amato, ad abbracciarlo, a stringerselo al petto, ovvero, a possederlo.

Colui che si sottomette a questo tipo di amore vive ancora in coscienza allo stato di divisione, di separazione e va cercando la sua metà complementare fisica, per trovare soddisfazione.

Questo amore è costretto sempre a “prendere, avere, possedere”.

L'amore del sesto grado di manifestazione, l'amore dei profeti, non deriva dalla separazione ma dallo stato originale dell'unità divina.

Ecco perché è universale: dà sempre, non prende mai, non ha bisogno di alcun complimento, di alcuna manifestazione fisica ed irradia ed illumina dal livello di coscienza “dell'unità divina assoluta”.

Gli uomini a questo livello di coscienza, non desiderano possedere nulla, si sentono “uno con il Tutto infinito”.

La suprema manifestazione di Dio, la settima, è quella dell'uomo diventato perfettamente cosciente: l'uomo/Dio.

Tutte le altre forme di manifestazione sono soltanto “vibrazioni trasformate, una parte di Dio” solamente.

L'uomo/Dio è quello che mediante una perfetta coscienza, manifesta appieno Dio- il suo Sè divino- in tutta la sua perfezione; quello che prova, lo vive in sé ed irradia le forze creatrici divine nelle loro VIBRAZIONI e FREQUENZE ORIGINALI, non trasformate.

L'uomo soltanto ha la possibilità di padroneggiare ed irradiare tutte le sette ottave di vibrazioni, giacchè il suo sistema nervoso comprende i centri che corrispondono a queste ottave della forza creatrice trasformata e non trasformata.

Tuttavia l'uomo può irradiare le vibrazioni soltanto ai livelli SUI QUALI E' DIVENTATO COSCIENTE; fintantochè non è cosciente ad un certo livello, i centri nervosi corrispondenti, restano allo stato latente.

L'uomo medio irradia quindi le vibrazioni che si estendono fino al “quarto gradino”,
l'uomo/genio fino al QUINTO,
il profeta fino al SESTO 
e l'uomo/ Dio soltanto è in grado d'irradiare consciamente le energie di tutte le SETTE OTTAVE e, se lo desidera, irradiare la forza creatrice divina allo stato originale, oppure trasformarla e modificarla per trasmetterla a frequenze inferiori.

Il BASTONE DELLA VITA, chiamato anche ARCA DELL'ALLEANZA, si compone di un materiale simile all'ottone, che ha la particolarità di potere trasmettere la radiazione corrispondente ad ogni livello.

E' progettato in modo da trasmettere le vibrazioni nel loro stato originale, quindi immutate, oppure diminuirle od amplificarle, a seconda del desiderio di chi se ne serve.

Questo Bastone può essere una benedizione od una maledizione, dipende da chi lo utilizza: un Iniziato è in grado d'irradiare tutte le forze della creazione con questo bastone, andando dalla più elevata, quella divina, alla più bassa ultra-materiale, giacchè possiede in sé tutte queste forze e può trasmetterle coscientemente per mezzo del Bastone della Vita.

L'uomo con i suoi organi sensoriali, può recepire solo una piccola parte dell'immensa gamma di queste vibrazioni; tutto ciò che vibra al di sopra od al di sotto della sua gamma di percezione, non può essere percepito, né vissuto, se non come stato d'animo.

Infatti, per esempio, prova e vive in sé, frequenze divine supreme sottoforma di amore universale; invece le forme più basse, quelle dell'ultra- materia, che sono inferiori a quelle che gli occhi ed i nervi sensoriali percepiscono come materiali, e che quindi restano impercettibili agli organi di senso, vengono vissute dall'uomo nella sua anima sottoforma di ODIO.

L'Iniziato userà sempre correttamente il Bastone della Vita ed irradierà sempre la forza per fare del bene, e quindi sarà una benedizione.

Quanto alle vibrazioni ultra-materiali, se necessario, ne farà uso per creare un muro di protezione invisibile ed impenetrabile.

Con l'aiuto del Bastone, l'Iniziato può padroneggiare, amplificare o neutralizzare tutte le forze della natura.

Tutti gli esseri viventi possiedono queste forze ma soltanto ad un livello che corrisponde al loro sviluppo; se ne servono, ma non ne sono coscienti.

Hai mai incontrato un uomo, per esempio, che si chieda come mai può alzare le braccia od i piedi? Oppure come mai, anche per un breve istante, può allontanarsi dal suolo, saltellando?

Alza il braccio ed osserva: non stai forse contraendo i muscoli, i quali sollevano il braccio? 
La contrazione dei muscoli ti permette di eseguire tutti i movimenti del corpo ma cos'è che contrae i muscoli? Rifletti!

La volontà! Ma cos'è la volontà?

- Padre mio mi sono spesso osservata, quando volevo qualcosa; ma ho potuto constatare soltanto, che, quando voglio qualcosa, emetto una forza e le imprimo una DIREZIONE. 
Per riprendere l'esempio che hai fatto tu, se voglio alzare il braccio abbandonato e rilassato (pende verso il basso perché la Terra lo attira verso di sé), questa energia scorre in esso per mezzo della mia volontà, forza i muscoli a contrarsi e ad alzarlo!-

Giustissimo! Con il fatto stesso che la tua forza di volontà è affluita nei muscoli HAI VINTO, nel tuo braccio, la FORZA DI ATTRAZIONE TERRESTRE, questa immensa forza della natura.

La stessa cosa avviene quando salti, anche se solo per un attimo, giacchè solo per un breve istante la tua forza di volontà ha superato la forza dell'attrazione terrestre.

Il TEMPO consuma la tua forza di volontà trasformata in ENERGIA FISICA.

E lo SPAZIO?

Hai usato la tua forza per alzare il braccio, il corpo in altezza, per allontanarlo dalla Terra, dunque per muoverlo nello SPAZIO.

Constati allora che la tua forza viene consumata da due fattori: il tempo e lo spazio.

Se potessi amplificarla ed immagazzinarla nel corpo, allora potresti vincere la forza di attrazione terrestre più a lungo e restare ad una maggiore distanza dalla Terra.

Potresti fluttuare per aria: ma non ci riesci. 
Perchè?

Perchè non sei ancora cosciente sul piano divino, a differenza dell'Iniziato che può direttamente attingere a quell'ETERNA FONTE di energia senza trasformarla e, se lo desidera, galleggiare nell'aria fintantochè oppone la propria forza di volontà alla forza dell'attrazione terrestre.

L'Iniziato conosce tutte le vibrazioni e possiede organi coscientemente sviluppati per utilizzare queste energie; tu conosci per esempio la forza del pensiero, grazie alla quale possiamo comunicare telepaticamente: anch'essa è controllata da un organo superiore del cervello.

I figli degli uomini non sanno neppure di possedere organi simili.

L'Iniziato è in grado d'irradiare la forza più elevata fra tutte, l'energia divina creatrice; è l'energia e la radiazione della Vita stessa, dell'ESSERE eterno, quello che anima e regge tutto l'universo.

Fare uso coscientemente di tale forza è proprio dell'uomo/dio soltanto, l'unica creatura la cui coscienza è identica a Dio ed irradia questa energia dalla sua stessa coscienza divina, dalla sua onniscenza cosmica.

Nessun essere vivente potrebbe sopportare consciamente tale forza.

Ogni forza ha la sua materializzazione sulla terra ed è per questo che troviamo che tutte le energie e le vibrazioni corrispondono ad una materia la cui forza di RESISTENZA è in grado non solo di sopportarle e di trasmetterle, ma anche d'immagazzinarle per poi irradiarle per un certo tempo.

Il nome che diamo a questa materia poco importa; il corpo delle creature viventi e delle forme di manifestazione corrispondenti ai vari livelli di coscienza è composto e costruito di questa materia.

Questo non vale solo per la materia che corrisponde al livello di coscienza proprio delle creature, ma anche per la materia che conduce le vibrazioni al di sotto di tale livello.

Ad esempio, le piante possiedono la forza di resistenza necessaria per sopportare le vibrazioni della forza vitale vegetativa e quelle della materia, giacchè sono dotate di un corpo materiale.

I nervi ed il corpo degli animali portano in sé la forza animale che corrisponde al livello animale e nel contempo, anche le vibrazioni delle due ottave inferiori, quelle del livello vegetativo e quelle del livello materiale.

I nervi dell'uomo medio, ad esempio, hanno resistenza sufficiente per sopportare le vibrazioni del livello mentale, nonchè le frequenze trasformate corrispondenti alle ottave dei piani inferiori: animale, vegetativo e materiale.

Con le energie mentali l'uomo pensa ed è cosciente a livello mentale.

Con le energie animali, egli percepisce e fa l'esperienza in sé di tutte le emozioni; le correnti di energia vegetativa ne animano il corpo ed, infine, questo corpo è composto da forze materiali.

La stessa cosa avviene se risaliamo la scala fino all'uomo-dio che impiega coscientemente tutti i suoi centri nervosi e cerebrali e può condurre in essi, o nel corpo, senza trasformarle, le vibrazioni supreme della vita che risiedono nel MIDOLLO SPINALE.

La materia del suo corpo ha la forza di resistenza necessaria per sopportare le vibrazioni della forza divina suprema e ovviamente, quelle trasformate dagli altri sei gradini di manifestazione.

Dunque soltanto in apparenza la materia dei corpi umani nei vari stadi di sviluppo sembra la stessa; in realtà sono composti da diversi elementi chimici, la cui resistenza corrisponde sempre ai gradi di evoluzione dello spirito che li abita.

Se il corpo dell'uomo-dio può sopportare le massime frequenze così come quelle, trasformate, dell'ottava inferiore, questo significa che deve per forza esistere una materia la cui forza di resistenza sia in grado di sopportare e di trasmettere la forza creatrice divina, nonché tutte le altre frequenze trasformate dalle ottave inferiori e questo SENZA VENIRE SMATERIALIZZATA.

Nella loro patria i figli di Dio inventarono una materia, una sorta di ottone, con cui costruirono apparecchi per immagazzinare le frequenze creatrici supreme nella loro manifestazione originaria o trasformata e per irradiarle, amplificate o ridotte.

Questi strumenti sono progettati per potere mantenere intatta la forza creatrice nella sua forma pura, di conseguenza restano attivi a lungo, simili ad una forza di fonte divina, simili alla vita stessa.

E dal momento che il più perfezionato di questi apparecchi rappresenta un legame perfetto fra le frequenze divine e quelle materiali, fra Dio e la Terra, chiamiamo questo “portatore di energia “ straordinariamente potente , carico della frequenza del Sè Divino..ARCA DELL'ALLEANZA.

Ora comprendi perché teniamo nascosti questi apparecchi: l'uomo-dio che ha sviluppato appieno le sue facoltà superiori, può utilizzarli senza problemi, giacchè l'Arca dell'Alleanza contiene ed irradia la sua stessa forza, la forza che egli è; ma un uomo di grado inferiore, morirebbe subito, come toccato da un fulmine, soltanto toccandola.

Le frequenze divine brucerebbero istantaneamente i suoi nervi, subirebbe uno choc, una crisi.

LA STESSA COSA ACCADE QUANDO QUESTA ENERGIA SI LIBERA DAL SUO ISOLAMENTO ALL'INTERNO DEL MIDOLLO SPINALE ED AGGREDISCE I NERVI: l'uomo, l'animale e persino la pianta muoiono all'istante.

Gli uomini chiamano questa morte “un colpo” , sentono che una forza ignota ha colpito una persona come il fulmine: si tratta della corrente vitale che, di solito, è ben isolata nel midollo spinale o nel canale centrale delle piante ed affluisce nel corpo solo dopo essere stata trasformata a dovere, ma che in caso di malattia rompe gli argini e causa il “colpo”.

Ecco perché i “non iniziati” non possono avvicinarsi a questi apparecchi. Anzi, giacchè questi ultimi irradiano energie che penetrano ogni cosa, ci tocca tenerli nascosti dietro spesse pareti di roccia che offrono un isolamento migliore, perché l'energia vitale uccide quando penetra una materia che non oppone una resistenza adeguata: la materia ne è smaterializzata,disintegrata..

L'Arca dell'Alleanza, come altri strumenti ancora, si compone di una materia che, senza smaterializzarsi, può essere caricata quindi con l'energia creativa divina.

L'Arca dell'Alleanza irradia la forza creatrice non trasformata e, a seconda della dose, dispensa la vita o la morte.

Quest'energia possiede lo stesso carattere vibratorio della forza di volontà dell'uomo, che può vincere ogni cosa, compresa la forza di attrazione terrestre, fosse anche solo per un breve istante.

L'Arca dell'Alleanza irradia questa energia amplificandola mille volte sicchè, come la Terra agisce sulla materia con la forza di attrazione, attraendo a sé ogni cosa, così noi possiamo controbilanciare la forza di attrazione in ogni materia, senza alcuna eccezione, vincendo ed eliminandone il peso per un periodo più o meno lungo.

Ma quando è necessario possiamo anche agire con questa forza di attrazione e, a piacere, aumentare il peso mediante i raggi di ultra-materia.

Così anche i pietroni si alleggeriscono per il tempo necessario a costruire gli edifici maggiori con estrema facilità; oppure, se ne aumenta il peso in modo tale che si conficchino in terra.

Ad esempio quando vogliamo realizzare un pozzo, non scaviamo la terra , ma scegliamo una roccia di dimensioni adeguate, ne amplifichiamo il peso e lasciamo che sprofondi nel suolo fino alla profondità desiderata.

Grazie all'Arca dell'Alleanza, questa enorme fonte di energia, possiamo trasformare in materia energie immateriali, quali ad esempio i raggi luminosi, oppure, inversamente, disintegrare la materia, riconvertendola in energie che rimarranno attive quasi per sempre,

Osserva questa lampada: da miliardi di anni il sole emette i suoi raggi, alcuni dei quali nella nostra atmosfera, diventano raggi luminosi grazie alla trasformazione delle energie. 
In questa lampada la materia si disintegra, si smaterializza, crea energie che nell'aria, si convertono in raggi luminosi.

Proprio in questa lampada il processo potrebbe prolungarsi all'infinito e dare luce per sempre, ma nella storia della Terra è scritto che dobbiamo abbandonare il pianeta per migliaia d'anni e annientare tutto il nostro equipaggiamento.

Se così non dovesse essere l'ignoranza dei figli degli uomini causerebbe nuovamente un'immaginabile distruzione.

Le generazioni future comprenderanno poco o nulla di ciò che rimarrà della nostra cultura; ad esempio si chiederanno come abbiamo potuto rendere la superficie delle pietre più dure, così perfettamente liscia al punto che fra esse non passa neppure un capello.

Si chiederanno come i “nostri schiavi” avranno potuto raggiungere tanta precisione con le sole mani.

I figli degli uomini riducendo i loro simili in schiavitù, penseranno che anche noi facessimo altrettanto e per migliaia d'anni non passerà loro neppure per il capo che smaterializziamo semplicemente la parte superflua della pietra, riuscendo, senza il minimo sforzo fisico, ad ottenere esattamente ciò che vogliamo dalle pietre e dalle rocce più dure.

Regoliamo i nostri apparecchi secondo la profondità e la larghezza desiderate, e tutto ciò che eccede queste misure viene disintegrato; è una cosa semplicissima quando si conosce la vera natura delle varie energie di cui anche la materia fa parte; ma questa scienza è una benedizione solo se resta fra le mani di un Iniziato che sa anche che “amore significa vita ed odio significa morte”.

Soltanto gli Iniziati di grado superiore possono essere architetti: infatti se è ovvio che per fare costruire qualsiasi cosa dagli schiavi non c'è bisogno di essere Iniziato, resta il fatto che NOI non lavoriamo con gli schiavi ma con le forze della natura.

Grazie a questi apparecchi possiamo creare tutte le forme di manifestazione dell'energia creatrice; la manifestazione dipende soltanto dalla durata e dalla distanza a cui facciamo lavorare questa energia.

I figli degli uomini trovano normale venire al Tempio ammalati per farsi guarire da noi: LA MALATTIA SIGNIFICA CHE LE VIBRAZIONI DEL CORPO NON SONO più ARMONIOSE, e noi restituiamo le vibrazioni della parte ammalata del corpo e l'individuo ritrova la salute.

Ogni organo ha la sua vibrazione particolare, il che significa che ogni organo è ciò che è, perché vibra ad una certa frequenza e che questa vibrazione agisce costantemente in esso e lo mantiene in funzione.

Non appena questa vibrazione si modifica, l'organo si ammala.

Possiamo anche controllare il tempo sulla Terra, fare un cielo azzurro oppure, se necessario, creare nubi e pioggia.

I figli degli uomini vedono lampi, odono il tuono uscire dalla grande piramide e sono contenti, perché sanno che questo porterà loro la benedizione della pioggia; vivono nella certezza che il Tempio badi a tutto: alla loro salute, alla pioggia, alle loro comodità ed al loro benessere spirituale.


 

- Padre della mia Anima, come si fa a caricare l'Arca dell'Alleanza?

Come ti ho detto sulla Terra esiste un'unica fonte capace d'irradiare questa forza: l'uomo-dio.

E' un dovere del gran sacerdote caricare l'Arca dell'Alleanza di forza creatrice divina, risultato a cui giunge, incanalando direttamente la propria energia nell'Arca dell'Alleanza oppure, con il Bastone della Vita, convertendo in forza divina creatrice una corrente energetica assolutamente positiva, che irradia dalla sua mano a frequenza inferiore, per poi condurla nell'Arca dell'Alleanza.

Perchè nella sua vita quotidiana anche l'uomo-dio irradia la forza creatrice soltanto trasformata.

Soltanto quando tutte le sue forze spirituali sono concentrate, quando nella sua coscienza è identico a Dio, egli emette l'energia divina nella sua vibrazione prima: deve essere in uno stato di coscienza cosmica assoluta,se vuole irradiare tale forza creatrice.

Se i figli degli uomini non iniziati lo vedessero in quello stato ne avrebbero paura perché l'uomo-dio irradia una luce sovrannaturale insopportabile per gli occhi umani.

Se un non iniziato toccasse un Iniziato che fosse in quello stato di ESSERE divino, morirebbe istantaneamente come se toccasse l'Arca dell'Alleanza.

Così quando un Iniziato emette i suoi raggi di vita a scopo curativo, deve concentrarsi affinchè la sua radianza possa essere sopportata senza danni; grazie al Bastone è possibile amplificare l'energia e poi condurla nei centri nervosi appropriati fino al livello dell'energia creatrice.

Il Bastone è progettato non solo per trasmettere queste radiazioni ma anche per trasformarle a piacere, onde poterle irradiare, amplificate o ridotte.

L'Iniziato non deve quindi mettersi in uno stato di ESSERE divino per condurre la radiazione suprema nell'Arca dell'Alleanza, ma in uno strato di concentrazione inferiore da cui convoglia, nell'Arca dell'Alleanza, grazie al Bastone, la forza corrispondente al proprio stato. La amplificherà in seguito fino al livello dell'energia creatrice.

Caricata in questo modo l'Arca può per un lungo periodo irradiare tale energia, la più elevata e la più potente che esista, come fonte di ogni altra energia sulla Terra.

Grazie al Bastone, l'Iniziato può creare e trasmettere le frequenze più diverse, giacchè questo strumento è un'Arca dell'Alleanza in miniatura, tranne per il fatto che non può immagazzinare l'energia creatrice.

Con esso anche un non iniziato potrebbe trasformare le sue energie inferiori di varie ottave in forze creatrici , se potesse irradiale in modo puro, positivo, dunque perfettamente disinteressato.

Infatti il Bastone irradia sempre esattamente lo stesso tipo di forza che l'uomo gli trasmette: se un uomo primitivo ed egoista avesse fra le mani uno strumento di questo genere, irradierebbe le vibrazioni negative del proprio egoismo, amplificate, causando malattie, epidemie, terremoti e catastrofi ancora più gravi, come un tempo fecero i Maghi Neri nella loro patria della razza divina.

Ora capisci perché gli Iniziati mantengono tanto segreto, proteggendo le loro conoscenze dai non-iniziati?

- Ora comprendo come hai ridato vita a quel bambino quasi morto: in uno stato di intensa concentrazione, hai trasmesso al bambino le tue forze amplificandole ancora. Il bambino è stato irrorato da una carica vitale tale che il suo spossamento se ne è andato come per incanto. Ma padre della mia Anima, che accadrà quando i figli degli uomini prenderanno il potere? Distruggeranno anche questa bacchetta magica? Gli Iniziati dovranno distruggere tutti gli strumenti..anche questo! Peccato che gli umani non possano approfittare dei benefici di queste energie.

Ognuno vive nelle condizioni adatte alla sua evoluzione! Se svelassimo il mistero del Bastone ai figli degli uomini, lo utilizzerebbero immediatamente a fini distruttivi per gli altri e per loro stessi. I figli degli uomini non sono maturi per ricevere questa conoscenza , ne sono ben lungi: il Bastone che oggi utilizziamo sarà salvato dall'ultimo Iniziato che ne conoscerà il segreto e lo porterà fuori dall'Egitto.

Non avrà la possibilità di costruire piramidi ma progetterà una protezione il più possibile isolante. Caricherà quest'Arca di un'energia molto meno potente e la farà portare, durante linghe peregrinazioni, con manici di legno; quando vedrà venire l'ora della morte, l'Iniziato distruggerà il Bastone della vita ed ancora per un certo tempo, l'Arca emetterà l'energia di cui era stata caricata.

I non iniziati la porteranno con sé in molti paesi, fino al momento in cui comprenderanno che essa ha perduto tutto il suo potere, e allora ne distruggeranno le ultime vestigia.

Solo la tradizione racconterà ancora all'umanità della “bacchetta magica” e dell'Arca dell'Alleanza. Ma gli uomini prenderanno tutto questo come per una favola, pur ricordandosi comunque, che un tempo, esistevano un'Arca dell'Alleanza abitata dalla forza del Dio Vivente e una “bacchetta magica” o come lo chiamiamo noi un Bastone della Vita con cui certi Iniziati, certi maghi , facevano miracoli.

 

Queste tradizioni ancestrali permetteranno agli uomini di riconoscere o di avere il presentimento che questo Bastone rappresenta la potenza che domina tutte le forze della natura.

Molto più tardi, quando vorranno simbolizzala , terranno in mano un bastone, uno scettro, quale insegna di tale potenza.

Ma questo scettro sarà solo un simbolo vuoto; la forza e la potenza vere non saranno più note.

Poi migliaia di anni dopo, un discendente della razza dei figli di Dio si reincarnerà, scoprirà queste verità per quelli del suo tempo e ricostruirà un'autentica bacchetta magica.

Fino a quel momento ci saranno degli strani individui che verranno chiamati maghi che sosterranno di eseguire dei giochi grazie alla loro bacchetta magica, imitando dunque ciò che un tempo era stato vero.

Terranno quindi una bacchetta in mano e descrivendo certi movimenti faranno credere di trarne forze magiche: faranno uso anche di formule magiche che imiteranno le nostre.

Ma l'umanità non conoscerà la straordinaria forza della parola se non, fra vari secoli, i membri decaduti della razza divina, che oggi vivono qui, si reincarneranno ricordandosi nel loro inconscio le verità che, da qui ad allora, saranno diventati solo vecchi racconti negli annali della storia.

Potranno provare la veridicità dei loro ricordi: verrà il tempo in cui i figli degli uomini scopriranno ed avranno accesso al sapere supremo.

Per la massa ignorante la conoscenza resta un mistero incomprensibile e diventa una maledizione se le verità cadono nelle mani dei non-iniziati; ma è precisamente la via degli umani quella di auto-infliggersi sofferenze e dolori.

A poco a poco comprenderanno che non si può giocare impunemente con le forze divine, ma che vanno usate con serietà, dignità e rispetto; perché per la benedizione dell'umanità Dio dà tutto, anche Sè Stesso. Ma a causa della loro ignoranza gli uomini trasformano tutto in una maledizione.

- Padre della mia Anima hai detto che le Piramidi sono state costruite di spesse rocce per isolare gli apparecchi in grado di emettere frequenze che penetrano ogni cosa; allora come ne escono le radiazioni?

Nelle spesse pareti delle piramidi sono stati scavati canali, gallerie, attraverso le quali le forze dell'Arca dell'Alleanza e degli apparecchi complementari che emettono altre energie, vengono convogliate verso l'esterno.

Attraverso questi canali controlliamo anche il tempo: le energie positive e negative che scorrono nei canali costruiti in direzioni diverse, danno luogo a formazioni di nuvole che generano la pioggia richiesta; i lampi rappresentano il riequilibrarsi di queste tensioni e sono accompagnati da grandi rumori: ecco perché si sente il tuono uscire dalla piramide. Altre piramidi sono state costruite per rispondere a bisogni di strumentazioni differenti.

 

- E che ne sarà delle piramidi quando i figli degli uomini regneranno su questo Paese e l'Arca dell'Alleanza, come tutti gli altri strumenti, sarà stata distrutta? Resteranno vuote? Che ne sarà del Gran Sacerdote, degli altri Sacerdoti e degli Iniziati?

Le piramidi, eccezione fatta per la più grande che è attualmente sede dell'Arca dell'Alleanza e nella quale viene data l'iniziazione , non resteranno vuote; quando tutti gli strumenti che emettono l'energia divina creatrice saranno stati portati via, gli ultimi Faraoni Iniziati, si faranno seppellire in una di esse poi, siccome l'energia non sarà più consumata, il loro corpo, impregnato di questa forza divina creatrice emetterà a forza suprema proprio come aveva fatto l'Arca dell'Alleanza ed agirà nel Paese come una fonte potente e segreta in grado di proteggerlo dalle cattive influenze.

La radianza di questi corpi sacri e così ben conservati aiuterà il Paese a mantenere il potere per ancora migliaia d'anni. Ma a poco a poco, le tombe saranno in gran parte depredate e distrutte dagli ignoranti.

Quando sarà venuto il tempo di distruggere tutti gli strumenti segreti, per i Sacerdoti e gli Iniziati che serviranno ancora nel Tempio sarà giunta l'ora di prendere il bastone del pellegrino ed il Gran Sacerdote con il suo Assistente, chiuderanno le porte di pietra della grande piramide dall'interno, in modo che nessun figlio degli uomini possa mai trovarne l'entrata. Poi, compiuti gli ultimi riti, disintegreranno i loro corpi, smaterializzandoli.

E' così che la grande piramide resterà chiusa agli uomini per molte migliaia di anni. Tuttavia le iniziazioni non cesseranno : le Anime mature continueranno ad esservi iniziate, ma non più fisicamente come oggi, bensì su un livello più elevato e spirituale.

Costoro vivranno la loro iniziazione sottoforma di sogno, di visione. 
Abbi pazienza, anche per te arriverà il momento di sapere come si costruiscono l'Arca dell'Alleanza ed il Bastone della Vita, ma dopo l'iniziazione.

L'uso però è riservato a coloro che, con i loro sforzi personali, hanno raggiunto il SETTIMO GRADO dopo l'iniziazione. Sìì paziente: il tempo esiste solo nel pensiero eppure ce ne vuole molto, affinchè tutto maturi!