Crea sito

Lezioni di creazione: FISSAZIONE e CONDENSAZIONE

Il video su YouTube è al seguente link:
https://www.youtube.com/watch?v=u-e_ANjbzc0&feature=youtu.be

Fissazione e condensazione ESCAPE='HTML'

FISSAZIONE

Proseguiamo, anche se a distanza di tempo, il discorso relativo alla creazione.

Se avete compreso ciò che vi abbiamo insegnato nelle ultime due canalizzazioni sulla creazione, potrete compiere anche il gradino successivo.

Avete imparato che la materia non possiede alcuna forma e che è solo l'attenzione mirata del pensiero a determinarla.

La forma è apparente, ma viene portata a voi grazie alla funzione specifica che la contraddistingue e qui dovete per forza di cose, per saper creare, completare il ciclo di apprendimento con gli Archetipi.

Come vi abbiamo spiegato l'Archetipo è la funzione prima di ogni forma conosciuta e quindi è importante riuscire a vederlo in questo modo.

Ma cosa significa realmente riuscire a vedere un Archetipo?

Significa andare nel senza forma, amalgamare la materia che è priva di sostanza e unirla attraverso la funzione specifica dell'Archetipo che v'interessa.

Questa operazione di agglomerazione delle particelle di materia si chiama fissazione.

La fissazione della materia avviene grazie al processo logico del pensiero che unisce funzioni differenti di Archetipi e ne determina quindi la forma finale.

Pensate ad una parola composta da più lettere: la forma finita dà il senso alla parola.

Pensate ora ad una forma qualsiasi, anch'essa è formata da più funzioni che la compongono. La materia finita è il risultato della somma di queste funzioni.

Non è affatto un discorso semplice, è necessario esercitarsi per molto tempo ed è quindi più semplice farlo utilizzando materie prime semplici, come per esempio i cristalli.

Più semplice è la funzione, più la materia riuscirà ad agglomerarsi ed a fissare se stessa in una forma completa.

Ricordate anche che le particelle di materia sono vive ed interagiscono con voi come farebbe un uomo di fronte alla vostra richiesta.

Dovrete entrare in confidenza con lo Spirito Uno che è ogni più piccola particella di materia.

Risponderà solo se riuscirete a farlo con completo abbandono, poiché siete voi, con le vostre disillusioni e mancanza di fiducia che frenate qualsiasi processo di fissazione della materia.

Ricordate che tutto si trasforma poiché tutto non possiede alcuna forma, quindi dopo avere portato la materia che v'interessa nel senza forma, potete ricrearla secondo le vostre aspettative e necessità, utilizzando la magia dell'Archetipo che ne veicola la funzione.

Come avviene il processo creativo a livello mentale?

Ponetevi in uno spazio tranquillo e svuotate la mente.

Sedetevi ed ascoltate il silenzio che rappresenta la condizione necessaria per dare l'avvio alla creazione.

Una volta svuotato il campo potete chiedere alle particelle di materia di aiutarvi nel vostro compito: se avete raggiunto il grado di comunione dei Maestri non vi sarà difficile.

Visualizzate l'Archetipo corrispondente al senza forma ed accanto ad esso, mettete un Archetipo che possiede la funzione dell'oggetto che v'interessa formare.

L'Archetipo avrà la sua forma prima che ormai conoscete e che non è fatta comunque di parole od immagini ed è questo che è necessario comprendere: è composta da puro Pensiero ed è un linguaggio del cuore e non della mente.

Una volta che la forma interessata avrà preso posto nella vostra coscienza avrete permesso all'Archetipo di creare l'oggetto desiderato e quindi potrete procedere con la fissazione nella vostra mente che è il risultato dell'intero processo.

Ora l'oggetto è nella vostra coscienza con tutte le qualità per potere essere fissato e dalla mente potete trasferirlo nell'oggetto da voi indicato per la trasformazione.

L'oggetto ora è davanti a voi.

Ricordate cari amici che è solo l'esercizio che vi porterà al traguardo di tali abilità.

Ricordate anche che nessuno di voi potrà riuscire a fare tutto ciò se prima non avrà completato l'intero ciclo di creazione degli Archetipi perchè solo l'uomo completamente achetipizzato è in grado di riuscire nella maestria della creazione.

Non ci sono scorciatoie, ma potrete fare miracoli in ogni campo quando questo avverrà in voi e sarete in grado di trasformare ogni cosa secondo il miracolo che voi stessi avete deciso ancora prima di nascere.

Opererete ognuno nel proprio campo con saggezza e sappiamo che userete le vostre conoscenze rispettando la natura ed anche i limiti del vostro/nostro Universo.

Vi amiamo con un amore immenso e aspettiamo che arriviate anche a questo punto dell'Ascensione che vi darà la fiducia necessaria per essere i Maestri e le Maestre della quinta dimensione, in grado di guidare tutti coloro che ancora si trovano indietro.

Come noi abbiamo fatto con voi, cari Fratelli e Sorelle. Forse ora cominciate a percepire la verità di queste splendide arcane parole.

CONDENSAZIONE

Amici carissimi in questa sezione del lavoro riguardante la creazione tratteremo il concetto superiore alla fissazione, di cui abbiamo precedentemente parlato.

Fissare mentalmente la forma di un oggetto non significa averla portata nella dimensione oggettiva.

Il passaggio successivo è quello chiamato CONDENSAZIONE.

Nella condensazione le particelle di materia che avete richiamato dallo spazio quantico, rendendole un agglomerato con la forma voluta, vengono proiettate all'esterno di voi.

La volontà di proiettarle è il motore che rende possibile la manifestazione oggettiva dell'oggetto o della situazione da voi desiderata.

E' un atto di volontà che spinge la vostra Intima Essenza a fornirvi ciò di cui avete bisogno, è una richiesta che fate a voi stessi.

Quandole particelle di energia si condensano all'esterno del vostro corpo avviene, a livello quantico, un cambiamento strutturale della forma collettiva di una sostanza.

Questo significa che quella forma ha determinato una mutazione nel collettivo e quindi non è così difficile capire che le cose che scegliete di mutare debbano essere in linea con l'oggettivazione collettiva accettata.

Chiariamo il concetto: se desiderate andare sulla Luna, ma la Luna non è ancora un traguardo collettivo, dovrete cercare di rendere la cosa il meno traumatica possibile per le coscienze collettive prive delle vostre stesse conoscenze.

Se desiderate per esempio far ricrescere un braccio a qualcuno che l'ha perduto non potrete farlo senza valutare le conseguenze del vostro operato su chi non conosce.

In tempi remoti queste conoscenze venivano usate con parsimonia proprio per evitare di agitare in modo scomposto una coscienza collettiva non ancora matura.

Le conseguenze di un operato troppo leggero potrebbero portare danni irreparabili nelle vostre esistenze, ma anche in quelle di coloro che non sono pronti a vedere.

E' quindi necessaria molta ponderatezza, ma sappiamo che farete le cose valutando sempre le conseguenze delle vostre scelte.

Vi abituerete ad agire non pensando al vostro personale tornaconto, ma alle conseguenze che le vostre scelte provocheranno.

Siete stati preparati a lungo per questi compito e sappiamo che lo condurrete nel migliore dei modi.

Se avrete dubbi, fermatevi e meditate: vi verrà fornita la giusta ispirazione che v'aiuterà a scegliere con giustizia.

Avete visto nel mondo le conseguenze di azioni intraprese per un bene comune: sono state devastanti per moltissima gente, seppure motivate da buoni intenti.

Questo non può e non deve accadere a voi Operatori di Luce perchè le vostre decisioni sono di portata maggiore rispetto a quelle intraprese fino ad ora da qualsiasi altro Essere nel vostro pianeta.

Noi saremo sempre con voi, tranquillizzatevi.

Se riuscirete ad avere ancora fiducia nelle nostre parole potremo portarvi ancora più in alto, ma sappiamo che in questo momento la fiducia vi manca totalmente e ne capiamo la ragione.

Non possiamo rallentare il processo di ascensione collettivo perchè riguarda moltissimi Esseri e la loro energia non è più malleabile come agli inizi.

Spostare intere masse di coscienze significa tantissimo lavoro e tempo, ma una volta che il processo è avviato, quando arriva ad un punto di non ritorno, la spinta diventa statica e non più dinamica e non può essere cambiato, né rallentato se non con azioni molto pesanti che determinerebbero ulteriori sconvolgimenti su tutti i piani dimensionali interessati e coinvolti.

State vedendo attorno a voi ogni genere di sedimento emozionale e questo viene trasformato dall'energia collettiva in consapevolezza che si deposita nell' Akasha cristallizzando tutto ciò che trova.

La cristallizzazione, come sapete, è la fissazione dell'idea di partenza.

Pensiamo per esempio alla volontà collettiva che ha deciso che l'omicidio sia sbagliato e non in linea con la Fonte.

L'idea parte, non ha alcuna forma, le viene data dalla spinta emozionale di molti Esseri coinvolti nella cristallizzazione di questo aspetto della vita universale.

Quando l'emozione crea i presupposti per dare forma all'idea, questa viene fissata a livello subatomico e poi condensata dalla volontà ferma e dall'intenzione degli Operatori di Luce che vi si stanno dedicando.

La condensazione è l'ultima fase che rende effettivo il processo di cristallizzazione nell'Akasha e questa, diventa patrimonio collettivo per tutta l'umanità.

Ognuno di voi, di noi, a livello superiore sta lavorando su un aspetto che determina la scrittura dell'Akasha.

In sinergia con il “Sé operativo”, il “Sè superiore” determina le condizioni necessarie che scatenano l'emozione e che portano alla consapevolezza della soluzione più in linea con il benessere collettivo e della Fonte.

State insomma cooperando: molti di voi non hanno alcuna consapevolezza del motivo per cui certi eventi della vita gli si presentano, ma tutti sono finalizzati alla Coscienza akashica, che sarà la base del vostro futuro.

Non scoraggiatevi amici e non demordete.

Non possiamo darvi false speranze e dirvi che la situazione potrà migliorare velocemente perchè significherebbe mentire.

Possiamo dirvi che nessuno di voi porta un fardello maggiore rispetto a quello che è in grado di sopportare e possiamo anche dirvi che ci saranno per tutti momenti di distensione e non solo la fatica a cui vi state assoggettando.

Sappiamo che avreste voluto sentirvi dire parole di conforto, ma non crediamo vogliate ascoltare ciò che la vostra Intima Essenza rifiuterebbe a priori, percependo la menzogna.

Avete ancora un lungo cammino come umanità e molti di voi vedranno solo le briciole di quello che state costruendo: potete però comprendere che queste briciole diventeranno un giorno, il meraviglioso raccolto che avete deciso di donare al mondo.

Sappiamo che lo comprendete intimamente.